Nulla di troppo – prefazione

Saul Ferrara
Nulla di troppo
( 90 haiku per ricordarmi)

N. 86 COLLANA CANTI
Editrice Totem

KOMOREBI
Chi riesce a dire con venti parole ciò che può essere detto in dieci, è capace pure di tutte le altre cattiverie. Queste parole di Giosuè Carducci aiutano a comprendere lo spirito degli haiku: tre versi di diciassette sillabe secondo lo schema 5/7/5. Difficili da creare: non impossibile. Saul Ferrara centra l’obiettivo con Nulla di troppo. È necessario un duro lavoro di cazzuola per togliere il superfluo e diventare “mani e pietra”. Non basta lavorare sulle e con le parole: devi diventare parola. Affinché sia “Tutto in un respiro” come scrive Saul Ferrara. Quanto troppo ci portiamo dietro nella nostra vita quotidiana? Tanto. Gli haiku di Nulla di troppo conducono all’essenza della vita: al suo fondamento. Non svelano il mistero della vita ma i suoi raggi giungono sino a noi: illuminandoci. Come accade in Giappone con il Komorebi: quando la luce del sole filtra tra le foglie degli alberi.
Tonino Nocera

    Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

    I commenti sono chiusi.